DR. HOUSE MEDICAL DIVISION

 


"Sono diventato medico per curare le malattie, non i pazienti"


Probabilmente la filosofia base non solo del protagonista ma del telefilm stesso. Anche perche´senza di Gregory House probabilmente avremmo assistito all'ennesimo medical drama. Le cattive maniere di House, il suo essere cosi scorbutico, cosi irriverente, cosi trasandato, cosi irritante, dipendente dagli psicofarmaci e da "General Hospital" lo hanno reso uno dei personaggi piu´amati del piccolo schermo in America e ora in Italia. Il dottor Gregory House e´ un medico geniale e fin qui niente di strano ma e´ il contorno del suo carattere a renderlo cosi originale in positivo e soprattutto in negativo.

Si potrebbe definire il suo comportamento come brutalmente onesto, dai toni non ortodossi, o semplicemente antipatico, pigro e scorbutico.House non ha paura di osare e grazie a quell'aria cosi teatrale nelle espressioni e al bastone da passeggio che lo sorregge e che probabilmente vorrebbe usare per bastonare alcuni pazienti e colleghi e´ l'autentico uomo-scena del serial.Talmente amato dal pubblico che la rivista americana "Tv Guide"lo ha inserito nella classifica dei sei uomini piů sexy del piccolo schermo a conferma del fatto che il burbero e´ sempre amatissimo dal pubblico femminile.Perche´ House piace? Forse perche´ a tutti in fondo piacerebbe scontrarsi con una persona del genere e farsi travolgere dal suo sarcasmo cosi pungente.

 

 


Forse perche´ in fondo si e´ affascinati dalla sua preparazione e la sua bravura che ne fanno una specie di semidio, forse perche´ in fin dei conti non e´ poi cosi difficile intravedere in lui una grande sensibilita´ seppur soffocata da un'irritante ma allo stesso tempo irresistibile ironia oppure solamente perche´ i casi sono dannatamente belli e coinvolgenti.Ideato da David Shore e Bryan Singer (il regista dei supereroi, tra cui Superman ma anche de I Soliti Sospetti), il telefilm ha preso spunti sia da Er che da Csi ma trae la sua originalita´ dai personaggi, cosi reali, speciali e "umani".